Etichettato: Open Data

[RESEARCH] Making Transparency Stick: The Dynamics of Open Data

As part of our research efforts, here’s the another update on the most important research on FOI and open data all over the world, by our intern Alexandre Salha, a researcher who worked on access to information in his native Lebanon. Today’s analysis focuses on the effectiveness of open data policy, as explored in a paper by researcher Ben Worthy.

#opengov (publicity, accountability, transparency) venn diagram - Foto di Justin Grimes (CC BY-SA 2.0)https://www.flickr.com/photos/notbrucelee/6166628554
#opengov (publicity, accountability, transparency) venn diagram – Foto di Justin Grimes (CC BY-SA 2.0)

In this paper, Ben Worthy identifies – based on the UK reform – the indicators of successful and/or failing Open Data policies.

In fact, he argues, the fate of these policies depends on the synergy built between enactment and post-enactment. Plus “policy feedback” plays an important role in assessing the impact of any reform. A strong feedback is able to build collective support among all involved actors to remake politics.

The Open Data policy in this paper is summarized under the UK’s Transparency Agenda which includes sub-policies:

  • Publishing spending data

  • Publishing service data

  • Platforms

  • Running experiments

  • Legal reforms

  • Charters and international agreements

During the enactment phase, Worthy identifies the Vision, the Symbolism and the Mechanics of Open Data policy.

First, “the vision of Open Data is powerful yet vague”. Under the umbrella of transparency, it has political, social and economic impacts on the nation as a whole. It can be used to promote more accountability, to develop public participation and/or to enhance economic growth and innovation. Hence Open Data is also unclear.

Some mistaken thoughts about technology of Open Data being as a solution for political problems are made, a very deterministic thought, standing between technology of Open Data and the politics of Open Government.

Second, Open Data is a symbolic policy yet voteless. According to Worthy, it offers on one side, transformative opportunities to remake politics under the democratic values, such as accountability, participation and empowerment; but, on the other side, although it attracts political support, it bring no electoral advantages.

Continuare la lettura

Stasera Foia4Italy è a Glocal News

glocal14

Stasera Diritto Di Sapere sarà al Glocal News Festival di Varese per presentare le prossime tappe della campagna Foia4Italy e discutere il testo di quello che speriamo diventi il primo Freedom of Information Act italiano.

L’appuntamento è per le 18.30 alla Sala Campiotti presso la Camera di Commercio di Varese, in via Monte Grappa 5.

L’incontro, moderato da Guido Romeo, data e business editor di Wired e co-fondatore di Diritto di Sapere e Foia4Italy, ospiterà gli interventi di Rosy Battaglia (Cittadini Reattivi e Foia4Italy), Philip Di Salvo (giornalista e European Journalism Observatory) e Marco Renzi (Lsdi).

Lo scopo dell’incontro è aprire a una discussione aperta tra speaker e pubblico sull’urgenza di un Foia italiano e su quali sono le aree di applicazione di questo strumento, dal giornalismo all’attivismo civico e alla lotta alla corruzione.

 

[GUEST] What Happens When You Publish Salaries?

Secondo appuntamento con Ben Worthy per parlare dell’impatto degli open data.
Il post originale è stato pubblicato qui lo scorso luglio. 

gi_chart

The publication of what public officials earn was one of the big headline grabbing policies of the government’s Transparency Agenda back in 2010. From MPs’ expenses to the pay levels of senior Civil Servants, publication of who gets what is always tricky and sensitive- and often leads to ‘rich lists’ like this one. Now it may be the turn of high-earning academics to disclose what they earn, given this recent ICO decision in relation to Kings College London-see the background here.

The idea is that publication of salaries leads to the reigning in of large salaries, as public bodies cut back due to embarrassment or because others take action to reduce them. This also plays into a wider story, that looks set to be part of the General Election battle, about income inequality (you can see some interesting ONS statistics on earnings here).

As ever, the US is far ahead in the publishing of salaries. The Missouri Accountability Portal allows you to see all employees’ salaries at the push of a button. However, a study of public sector disclosure legislation in Canada (looking at academics) found no decrease insalaries after publication (and pointed out, bless them, that academics were paid less than they should be). Ontario’s so-called ‘Sunshine List’ of high earners made no difference either.

More interestingly, some research reveals publication of salaries actually has the opposite effect to that intended and is rather wonderfully counter-productive. This study of German CEOs found that when their salaries were published, other senior salaries went up as colleagues became aware of how much their colleagues earned and then pressured or negotiated for a pay rise. Rather than leading to cutting back or embarrassment, it led others to say ‘why aren’t I getting that much’?

The constant focus on ‘pay’ misses out a potentially more important discussion about performance – this study indicates some of the top US CEOs were getting better rewarded for poorer performances. Perhaps we could try and see if the Civil Servants paid more than the Prime Minister are doing a better job than he is? This points to a further difficulty that those in business do not have-given that neither MPs nor the Prime Minister have a formal job description, what constitutes a ‘good’ performance for a politician?

 

FOI and Open Data: Where Are We Now?

Con questo post iniziamo una collaborazione con Ben Worthy, ricercatore inglese che insegna al Birkbeck College (University of London) e che si occupa di trasparenza, accesso all’informazione e impatto degli open data. Il post è stato originariamente pubblicato sul blog di Ben, che ringraziamo.

 

It is almost a decade since the Freedom of Information Act 2005 came into force and five years since the Coalition launched its ‘Transparency Agenda’, aimed at increasing online transparency. What has been the impact of the two reforms so far?

The Impact of FOI and Open Data

Freedom of Information 2005-2014

The key driver of any FOI regime is requests. The number of FOI requests to UK central government have gone up around 6 % per year, from 38,000 in 2005 to 53,000 in 2013. Meanwhile, local government is the recipient of the vast majority of FOIs-numbers increased more than three fold in the first five years, accounting for between 70-80% of all requests. Users, as far as we know, are a mixed group of the public (the biggest user group) alongside journalists, businesses and NGOs.

So what impact has FOI had? It has undoubtedly made public bodies more transparent about all sorts of topics, from salaries to road maintenance. According to the House of Commons Justice Select Committee, it has also ‘contributed to a culture of greater openness across public authorities … public officials not only to implement the Act but to work with the spirit of FOI to achieve greater openness’ (Justice 2012). The government agreed that the ‘Act has contributed to a culture of greater openness across public authorities’ (Justice 2012, 4).

Public bodies and figures are more accountable because of FOI. The Act often works with other mechanisms (such as the media, MPs or NGOs) as a tool to put together information for campaigns. Although high profile cases, such as MPs’ expenses, attract publicity, FOI is often used, especially at local level, as a ‘jigsaw’ tool to put together information rather than to obtain scandalous ‘smoking guns’.

Some of the more ambitious aims have not been met. This is not because the Act has failed but because the aims were far too high. FOI has not, by itself, improved the quality of decision-making, public understanding of decision-making or participation. Superficially FOI does not appear to have increased trust in government-the Justice Committee concluded FOI had ‘no generalisable impact’ on it. However, trust is a complex issue and Even the seemingly clear ‘drop’ in trust created by the MPs’ expenses scandal is not as simple as it seems: the disclosure that some MPs are corrupt came as confirmation not a revelation to many. On a positive note, despite the claims of many ex-senior politicians, the records are not disappearing: a ‘chilling effect’ can be seen in a few politically sensitive cases but is not happening systematically.

Open Data 2010-2014

 The Coalition’s Transparency Agenda is actually a series of different reforms, all using information technology to encourage openness. They include new data platforms, publication of frontline service and spending data and innovations such as online crime maps and crowd-sourced experiments.

The effects so far seem variable. High profile Open Data platforms like data.gov.uk have attracted users and innovators while the crime map, police.uk, crashed on the first day due to levels of use. Some other experiments have been less successful and the crowd-sourcing of policy had to be scaled back.

One flagship innovation in the UK has been to ask all local authorities to publish on a monthly basis their spending over £500 onlines-see my analysis here. There appears to be little use by the public yet, though some by journalists and businesses. There is no sign of the promised ‘army’ of citizen auditors using the data to hold authorities to account. Some are concerned, both in the UK and elsewhere, that publishing spending data encourages emphasis on ‘costs’ rather than impact. However, the local spending data has launched several interesting third party innovations, some of which have been created ‘upwards’ from the community and others between public bodies-see below.

Resistance?

For transparency to be successful senior politicians both within organisations and nationally need to push for it and support. One of the big concerns is that there will be hostility and resistance. The problem is that leaders quickly go off being transparent. Tony Blair, who passed the FOI Act, gave his verdict:

The truth is that the FOI Act isn’t used, for the most part, by ‘the people’. It’s used by journalists. For political leaders, it’s like saying to someone who is hitting you over the head with a stick, ‘Hey, try this instead’, and handing them a mallet (Blair 2010, 516-517).

David Cameron also spoke of how the Act can ‘occasionally fur up the arteries of government’ (BBC 7 Mar 2012). The danger is that such negativity may encourage poor behaviour and lead to a small ‘anti-FOI’ group at the very top of government. In several local authorities there is a similar rumble of discontent at the time and resources FOI uses and the damage ‘frivolous’ requests cause.

The dislike of FOI can also translate into action. In the UK the veto has now been usedseven times to prevent the release of information including for Cabinet discussions over the war in Iraq and correspondence between Prince Charles and the government. In 2006 an attempt was made by the Blair government to introduce fees for FOI, as happened in Ireland in 2005. This was closely followed by an attempt by a group of MPs to remove Parliament from the FOI Act.

Neither is Open Data fully supported. The government’s initial emphasis on the ‘democratic’ benefits of the reforms have been downplayed with a shift to the economic benefits. The Public Administration Committee claimed that some departments and Ministers are more interested than others. Across local government there has been varying degrees of enthusiasm for the Open Data and spending publication. Some local authorities have innovated, a few resisted while the majority seem to be going through the motions. Local councils are keen to be develop new tools for citizens but are concerned at the resource implications and is unclear on what the agenda is meant to do-see this LGA survey.

Where Next?

So what does the future hold? The first area is private providers. Section 5 of the Act can be used to extend the scope of the legislation and all the main parties are committed to extension to ‘private providers’ working on behalf of public authorities. FOI already allows access to some information held by private bodies relating to public work and most bodies are happy to provide it, albeit with some high profile exceptions. In 2007 Gordon Brown committed to extend the Act to all public work carried out by private bodies but eventually did not do so, concerned about potential costs to businesses. In 2010 the new Coalition government (again) committed to extend it but are yet to do so. The recent post-legislative scrutiny recommended that FOI be enforced by contracts rather than explicit extension of the Act. It could also be that we can start to find out more about what businesses do for public bodies via Open Data, as providers give more information through experiments like contracts finder.

Could there be other changes? Although most past attempts to reform the Act have failed, it is possible that future governments, sceptical of FOI, may try again whether directly, through changes to the law, or indirectly through ‘resource starvation’. The current government has expressed its concerns about what it calls ‘industrial’ users of the FOI Act. On the other hand, it is possible that parts of the Open Data agenda may turned from ‘codes’ into law. One concern of campaigners is that the government may ‘give’ Open Data with one hand and ‘take away’ information rights with the other.

Finally, are there areas where FOI and Open Data could meet? The FOI has already been amended to include datasets. Advocates and officials feelonline publication, FOI and new innovations could serve to mutually reinforce each other. This can already be seen with mySociety’s WhatDoTheyKnow that publishes FOI’s publically (and accounts for 10% of all FOIs) or Openly Local, an interactive merging of democratic and financial data. Other innovations could bring easy comparability such as Appgov (note-this site is currently in the development stages).

Conclusion

Ten years after FOI the UK has seen a huge advance in openness. The Act is working well. It is embedded within public bodies, from central government to Parish council, and is an accepted part of the political landscape. Open Data is more uneven but it is likely to take time as developers do new things with the data. The concern is that the ‘myths’ around being open obscure how it actually works. There are legitimate concerns about use but these are becoming confused with the claims of unhappy politicians-complaints from politicians may be a sign of transparency doing its job.

This piece was originally written for and published by PDP

Un Freedom of Information Act per l’Italia: il nostro panel a #IJF14

Il Festival del Giornalismo 2014 si è appena concluso, dopo cinque giorni di incontri internazionali.
Diritto Di Sapere ha avuto una forte presenza, con due panel e un workshop.

Il primo incontro si è svolto mercoledì 30 aprile e ha avuto come oggetto il nostro tema chiave, l’accesso agli atti: è tempo per un Freedom of Information Act anche in Italia?

Per chi non c’era, ecco il video dell’incontro:

I lavori sono stati aperti da Helen Darbishire, direttore di Access-Info Europe, nonché tra i fondatori di DDS, che ha insistito su quanto sia importante capire che le informazioni detenute alla Pubblica Amministrazione appartengono ai cittadini e quanto sia un loro diritto fondamentale potervi accedere e utilizzarle.

Alex Salha, attivista libanese che si occupa di trasparenza, ha poi presentato l’interessante caso della campagna che ha portato a una significativa diffusione del dibattito sull’accesso in Libano e a un pacchetto di leggi sulla trasparenza, di cui l’accesso alle informazioni fa parte.
Il pacchetto, alla vigilia dell’approvazione, è stato ritirato dal governo per “una ulteriore fase di studio”, ma l’attenzione di attivisti e opinione pubblica è elevata e degli sviluppi importanti arriveranno entro il 2014.

Il dibattito è poi proseguito con un focus sulla situazione italiana: proprio al Festival dell’anno scorso avevamo presentato Silenzio di Stato, il nostro rapporto sullo stato dell’accesso, che aveva evidenziato il bassissimo livello di applicazione della pur limitata legge sull’accesso, la 241/90, e l’altissima incidenza del silenzio amministrativo.

Qual è la situazione dell’accesso a un anno di distanza?

C’è una proposta di legge che interviene sul tema, a firma di Paolo Coppola (PD), anch’egli tra gli speaker.

Fabio Chiusi, che ha scritto e commentato i temi del panel per Wired, ne evidenzia i punti principali:

il diritto all’accesso non sia più dei soli soggetti interessati, come ora, ma di chiunque, ed esercitabile “anche telematicamente“; cada di conseguenza anche la clausola per cui quell’interesse dovrebbe essere “diretto, concreto e attuale“; allo stesso modo, verrebbe rimosso il vincolo che afferma “che non sono ammissibili istanze per un controllo generalizzato dell’operato della PA” (una previsione, secondo Coppola, inadatta all’era della digitalizzazione) e infine altrettanto accadrebbe per l’ulteriore vincolo di motivare la richiesta di accesso.

Lo abbiamo detto, sembra esserci una nuova sensibilità da parte del nuovo governo, ma non basta. Il metodo, infatti, non è ancora open e partecipativo, evidenzia Ernesto Belisario, direttore dell’Osservatorio sull’Open Government e tra gli autori del nostro manuale Legal Leaks (appena aggiornato alla sua terza edizione).

Questa ultima proposta di legge va nella giusta direzione, ma ancora non ci sono tempi definiti, né certezza sulla sua approvazione.

Quanto a Diritto Di Sapere, non ci limiteremo certo a un cauto ottimismo: abbiamo molte novità in cantiere e presto ve ne parleremo!

Accountability e Foia nel discorso di Renzi. Ma l’Open Governement dov’é?

Il discorso di insediamento di Matteo Renzi (qui il testo integrale) è stato criticato da molti. È sicuramente molto ambizioso (dissero lo steso di Obama), a tratti troppo vago e non affronta il tema spinoso di come si coprono i costi delle riforme (ma si poteva parlando così a braccio?).

Ci sono però due parole che qui a Diritto Di Sapere ci hanno fatto drizzare le orecchie: «accountability» e «Freedom of information act».

Ecco cosa dice il Premier:

«Non siamo per sottrarre responsabilità ai dirigenti: siamo per dargliele tutte. Vorremmo che la parola accountability trovasse una traduzione in italiano, perché vi sono le responsabilità erariali, quelle penali e quelle civili, però non ve n’è una da mancato raggiungimento degli obiettivi, se non a livello teorico: questa, però, è una sfida di buon senso, che nell’arco di quattro anni può essere vinta e affrontata se partiamo subito e se abbiamo anche il coraggio – lasciatemelo dire – di far emergere in modo netto, chiaro ed evidente che ogni centesimo speso dalla pubblica amministrazione debba essere visibile on line da parte di tutti. (Applausi dal Gruppo PD e dei senatori Di Biagio e Ichino). Questo significa non semplicemente il Freedom of Information Act, ma un meccanismo di rivoluzione nel rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione tale per cui il cittadino può verificare giorno dopo giorno ogni gesto che fa il proprio rappresentante».

Sull’accountability non possiamo che dargli ragione: come molte altre parole inglesi non è direttamente traducibile in italiano (anche se la Treccani ci aiuta qui). L’accountability sottintende trasparenza, ma è più della trasparenza perché implica la responsabilità e il dovere di rendere conto di ciò che si fa (o non si fa). Non basta cioè pubblicare online i bilanci, ma bisogna anche dare delle metriche per misurare l’efficacia della spesa e creare delle strutture dove ci siano dei responsabili con nome e cognome. Un po’ più di accountability in Italia davvero non guasterebbe. Sia a livello locale, che centrale.

Sul Foia: il tema non è nuovo nei discorsi di Renzi che lo aveva citato più volte durante le Primarie del 2012. A volte in maniera un po’ vaga e, infatti, lo avevamo ripreso qui e qui. Questa volta il premier lo cita abbastanza in cavalleria, dicendo addirittura che bisogna fare molto di più. Non potremmo essere più d’accordo, ma ci viene un dubbio.

Non è che Matteo stia parlando di Open Governement, quel “governo aperto” che ha la trasparenza, l’accountability e il Foia tra i suoi pilastri, ma è anche molto di più perché presuppone partecipazione e coinvolgimento dei cittadini?

Se è all’Open Gov che sta pensando, l’Italia ha già varato un piano d’azione nel 2012. La valutazione fatta dalla società civile italiana l’estate scorsa ha evidenziato parecchi punti critici. Molti di essi emergono anche nell’ultimo report indipendente sull’action plan italiano dell’Open Governement Partnership, che è stato anche visionato prima della pubblicazione dal Governo italiano.

A leggere questi rapporti c’è davvero tanto da fare. Non resta che fare i migliori auguri al neo-premier. Se ce la fa in un mese, ma anche in due o tre, sarebbe un capolavoro.

 

 

 

 

 

 

Rassegna: Foia made in USA, open data e civic hacking

Il Foia americano funziona davvero? Sappiamo riconoscere le nuove forme di partecipazione che si stanno sviluppando oggi? E poi, chi è più “avanti” quando si parla di open data, New York o San Francisco?

Queste e altre domande (e anche qualche risposta) nella rassegna di oggi.

Da OpenTheGovernment.org
Da OpenTheGovernment.org
  • Usa: il Foia funziona davvero?

    Il Freedom of information act sembra funzionare molto bene negli Usa… ma solo apparentemente! I dati più recenti parlano di risposte positive nel 94% dei casi, ritardi praticamente assenti, tecnologie che velocizzano il processo. Ma la realtà è assai più complessa, a sentire molte delle Ong che si occupano di accesso all’informazione. Sono ormai numerose le organizzazioni che sostengono che la situazione sia molto diversa dai dati ufficiali dell’amministrazione Obama, in alcuni casi anche peggiore rispetto alla precedente amministrazione.

  • Cambiare la PA  “dall’interno” con gli open data

    Scientific American pubblica una bella intervista a Todd Park, “chief technology officer” dell’amministrazione Obama e un passato da imprenditore, con diverse start-up di successo all’attivo. Park spiega come gli open data in ambito meteorologico hanno creato numerose opportunità per le imprese, e che lo stesso potrebbe avvenire in molti altri settori. Ma soprattutto, Park punta a ripetere il successo dall’interno della Casa Bianca, grazie a un incubatore unico nel suo genere.

  • Oltre gli hackathon: civic hacking nei paesi in via di sviluppo

    Il civic hacking e la partecipazione prendono oggi molte forme – ancora più di quelle che pensiamo, se guardiamo a paesi in via di sviluppo. Ci sono nuovi modelli di partecipazione che potrebbero aprire molte possibilità di azione e contributi da parte di persone senza competenze tecniche. Ma siamo in grado di riconoscerli e aiutarli a svilupparsi? Ne parla Rodrigo Davies, ricercatore del Center for Civic Media del Mit.

  • Come cambiare il posto dove viviamo… con gli open data!

    Questa è l’ideale punto di partenza del bando di Knight News Challenge per progetti di sviluppo sul territorio (in the U.S. and abroad). In risposta sono arrivati 886 progetti per 5 milioni di dollari di fondi. The Atlantic ne segnala 12 tra i più interessanti.

 

Rassegna DDS: il valore dei dati, lezioni per civic hackers e università “open”

TransparencyEccoci a mercoledì con una nuova rassegna.

Oggi si parla di valore economico di dati e open government, ma anche di community che collaborano con la pubblica amministrazione.
E nuove strade collaborative si aprono anche in ambito accademico…

  • Il valore economico dell’open government… Quando si parla di open government, possiamo possiamo quantificarne i vantaggi concreti per aziende, cittadini e amministrazioni pubbliche? Secondo Alex Howard, un esperto del settore e autore di una riflessione approfondita sul tema, non è così semplice. Che ne pensate?
  • …e quello dei dati pubblici! Un altro esperto di dati della pubblica amministrazione, Ton Zijlstra, racconta le attività di un workshop sul valore degli open data come strumento per creare nuove politiche pubbliche. Qual è il potenziale dei dati aperti in termini economici e quale l’impatto sulla trasparenza della PA?
  • Open Data Day: lezioni per civic hackers. David Eaves, uno dei promotori dell’Open Data Day, fa un bilancio della giornata, svoltasi il 23 febbraio scorso (anche Diritto Di Sapere vi ha preso parte). Come si costruiscono community “civiche”, che collaborino con le istituzioni? Quale direzione prendere per un open government collaborativo?
  • Dati pubblici in formati “open”: la Sunlight Foundation spiega perché è importante che i dati pubblici siano disponibili in formati aperti. Una riflessione valida sia per le richieste di accesso che per la pubblicazione di dati!
  • Come sta crescendo OpenStreetMap. GPS, crowdsourcing, cartografi: sono gli ingredienti di OpenStreet Map, un progetto collaborativo per creare un’alternativa “open” alla mappatura della rete stradale mondiale. Un progetto che sta crescendo e con risultati particolarmente interessanti.
  • Università “open”: un aiuto per i paesi “in via di sviluppo”? Sono sempre più numerosi le iniziative accademiche che “aprono” le proprie risorse educative e gettano le basi per un’innovazione collaborativa, spiega Julia Wetherell su Techpresident. Fino ad ora, però, i benefici sono stati più che altro “laterali”, favorendo le comunità di persone già inserite in ambito accademico. Come si può creare valore anche per i “paesi in via di sviluppo“?

 

Trasparenza, accesso e open data: la rassegna DDS

Navigare tra le informazioni è complicato: sui temi di accesso, trasparenza e open data ci sono così tante articoli interessanti che è difficile tenere traccia di tutti. Da oggi, ogni settimana, cercheremo di aiutarvi, selezionando quelli per noi più interessanti e ve li riproporremo in breve.

Ovviamente segnalateci nei commenti o via email quello che trovate in rete. Li integreremo nella nostra rassegna.

Quella di oggi è dedicata agli open data:

  • I primi frutti dell’Open Data Day. Avete partecipato all’Open Data Day? Se sì, eravate in ottima compagnia in tutto il mondo. Alcuni dei progetti intrapresi sono ancora in corso. Eccone alcuni che sono stati completati durante la giornata mondiale dei dati aperti.
  • Da Obama 2012 a New York, i dati sono strategici. La campagna di Barack Obama nel 2012 ha usato al meglio i dati a propria disposizione per prendere decisioni e organizzare azioni sul territorio: ora lo stesso principio verrà utilizzato dalla città di New York.
  • Dati pubblici e scoop: istruzioni per l’uso. I dati pubblici sono preziosi per creare scoop e titoli di giornale. Ecco qualche consiglio ai giornalisti su come usarli al meglio (e qualche buon motivo per usare diritto di accesso e open data!).
  • Aiutare i senzatetto… con gli open data! Si tratta di quello che sta provando a fare la città di Vancouver. Lo racconta David Eaves, esperto di open data e residente di Vancouver.
  • Più dati per tutti. Migliaia di dati pubblici, set di dati di tutti i tipi e in varie forme in una lista assai fornita. Buon “data-crunching”!

Open Data Day: ci vediamo a Bologna il 23 febbraio!

Sabato 23 febbraio in tutto il mondo si parlerà di open data… ma soprattutto si “farà” open data!
Questo è l’obiettivo dell’Open Data Day, un incontro di cittadini per lavorare sugli open data: per capire a cosa serve “aprire i dati”, per creare applicazioni e visualizzazioni e per chiedere all’amministrazione l’adozione di politiche di apertura e trasparenza. Il tutto in un contesto informale, con voglia di collaborare e imparare.

Diritto Di Sapere c’è! Con Hacks and Hackers Bologna abbiamo organizzato una Requestathon per mostrare a tutti gli interessati a cosa può servire l’accesso agli atti in pratica e quali sono le informazioni a cui possiamo accedere e perché sono importanti per i cittadini.

…ehi, ma cosa è una Requestathon?

Semplice: vi mostreremo come fare richieste di accesso ai dati non ancora disponibili, con esempi e assistenza per la compilazione delle richieste da parte del gruppo di Hacks&Hackers Bologna e del team e degli esperti legali di Diritto Di Sapere.

L’incontro si svolgerà dalle 10 alle 13, presso l’Urban Center – Sala Borsa di Bologna e ha il supporto e l’adesione del Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna. Questo è il programma della giornata.

Se siete interessati a saperne di più, ecco gli eventi dell’OpenDataDay in tutto il mondo (in Italia sono previsti incontri in diverse città). Se volete dare una mano date un’occhiata al wiki.

Se volete maggiori informazioni sull’incontro di Bologna, scriveteci… e ci vediamo sabato!