50 ONG americane chiedono a Obama di riformare il FOIA

American redaction - Photo by Truthout.org (CC BY-NC-SA 2.0)
American redaction – Photo by Truthout.org (CC BY-NC-SA 2.0)

Lo scorso 23 ottobre 50 organizzazioni e ONG americane hanno scritto una lettera al presidente Obama chiedendogli di sostenere pubblicamente il processo di riforma del Freedom of Information Act (in vigore dal 1967).

La lettera, firmata tra gli altri da American Civil Liberties Union, Sunlight Foundation ed Electronic Frontier Foundation, ricorda che la legge è uno degli strumenti più efficaci al servizio dei cittadini ma che la sua implementazione ha diversi problemi da risolvere.

Nel testo sono sottolineate sei priorità, relative al margine di interpretazione e alle eccezioni – margine che, si legge, spesso viene interpretato in modo restrittivo rispetto ai documenti, specie quelli interni. Viene inoltre richiesto un ampliamento del ruolo dell’Office of Government Information Services (OGIS) e la possibilità di accedere a documenti creati 25 anni fa, o prima, condizione che spesso viene fatta rientrare in una delle eccezioni. Nella lettera si spiega:

“il FOIA non dovrebbe essere usato per impedire l’accesso pubblico alla storia della nostra nazione, laddove il passaggio del tempo ha significativamente eroso, ove non completamente eliminato, ogni possibile interesse di segretezza da parte del governo”

Il contributo legislativo del Presidente in questo senso è fondamentale, scrivono i firmatari, a maggior ragione per dar seguito al proposito di diventare “l’amministrazione più trasparente della storia”, cosa che Obama promise nel suo primo giorno da Presidente.

[GUEST] What Happens When You Publish Salaries?

Secondo appuntamento con Ben Worthy per parlare dell’impatto degli open data.
Il post originale è stato pubblicato qui lo scorso luglio. 

gi_chart

The publication of what public officials earn was one of the big headline grabbing policies of the government’s Transparency Agenda back in 2010. From MPs’ expenses to the pay levels of senior Civil Servants, publication of who gets what is always tricky and sensitive- and often leads to ‘rich lists’ like this one. Now it may be the turn of high-earning academics to disclose what they earn, given this recent ICO decision in relation to Kings College London-see the background here.

The idea is that publication of salaries leads to the reigning in of large salaries, as public bodies cut back due to embarrassment or because others take action to reduce them. This also plays into a wider story, that looks set to be part of the General Election battle, about income inequality (you can see some interesting ONS statistics on earnings here).

As ever, the US is far ahead in the publishing of salaries. The Missouri Accountability Portal allows you to see all employees’ salaries at the push of a button. However, a study of public sector disclosure legislation in Canada (looking at academics) found no decrease insalaries after publication (and pointed out, bless them, that academics were paid less than they should be). Ontario’s so-called ‘Sunshine List’ of high earners made no difference either.

More interestingly, some research reveals publication of salaries actually has the opposite effect to that intended and is rather wonderfully counter-productive. This study of German CEOs found that when their salaries were published, other senior salaries went up as colleagues became aware of how much their colleagues earned and then pressured or negotiated for a pay rise. Rather than leading to cutting back or embarrassment, it led others to say ‘why aren’t I getting that much’?

The constant focus on ‘pay’ misses out a potentially more important discussion about performance - this study indicates some of the top US CEOs were getting better rewarded for poorer performances. Perhaps we could try and see if the Civil Servants paid more than the Prime Minister are doing a better job than he is? This points to a further difficulty that those in business do not have-given that neither MPs nor the Prime Minister have a formal job description, what constitutes a ‘good’ performance for a politician?

 

Diritto Di Sapere aderisce alla CILD

cild-italia_logoNel nostro lavoro quotidiano ci occupiamo di promuovere e difendere un diritto fondamentale, quello di accesso all’informazione.

Ma più andiamo avanti, più abbiamo anche la consapevolezza che i diritti e le libertà civili sono fra loro interdipendenti e indivisibili.

Per questo motivo Diritto Di Sapere ha deciso di aderire alla Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili (CILD), che raccoglie un gruppo di organizzazioni non governative e di associazioni ha deciso di mettersi in rete e di costruire un nuovo soggetto nazionale.

La coalizione verrà presentata nel corso della prima conferenza nazionale, il prossimo 17 ottobre a Roma.

Oltre all’accesso all’informazione, la CILD promuoverà anche la lotta al razzismo e ogni forma di discriminazione, i diritti delle persone immigrate e di etnia rom e sinti, il contrasto a un sistema penale e penitenziario privo di garanzie e irrispettoso della dignità umana, la lotta alla corruzione e le battaglie per la trasparenza nella pubblica amministrazione, i diritti delle persone della comunità Lgbt, la questione droghe, i diritti dei minori, la violenza contro le donne.

Nella presentazione della CILD, il presidente Patrizio Gonnella, scrive:

Le libertà e i diritti civili sono fra loro intimamente connessi. Essi sono interdipendenti e indivisibili. Attraverso la loro promozione e protezione è possibile un cambio di paradigma, ovvero è possibile contribuire alla costruzione di una società più coesa, solidale ed equa.

Anche Diritto Di Sapere farà la sua parte.

FOI and Open Data: Where Are We Now?

Con questo post iniziamo una collaborazione con Ben Worthy, ricercatore inglese che insegna al Birkbeck College (University of London) e che si occupa di trasparenza, accesso all’informazione e impatto degli open data. Il post è stato originariamente pubblicato sul blog di Ben, che ringraziamo.

 

It is almost a decade since the Freedom of Information Act 2005 came into force and five years since the Coalition launched its ‘Transparency Agenda’, aimed at increasing online transparency. What has been the impact of the two reforms so far?

The Impact of FOI and Open Data

Freedom of Information 2005-2014

The key driver of any FOI regime is requests. The number of FOI requests to UK central government have gone up around 6 % per year, from 38,000 in 2005 to 53,000 in 2013. Meanwhile, local government is the recipient of the vast majority of FOIs-numbers increased more than three fold in the first five years, accounting for between 70-80% of all requests. Users, as far as we know, are a mixed group of the public (the biggest user group) alongside journalists, businesses and NGOs.

So what impact has FOI had? It has undoubtedly made public bodies more transparent about all sorts of topics, from salaries to road maintenance. According to the House of Commons Justice Select Committee, it has also ‘contributed to a culture of greater openness across public authorities … public officials not only to implement the Act but to work with the spirit of FOI to achieve greater openness’ (Justice 2012). The government agreed that the ‘Act has contributed to a culture of greater openness across public authorities’ (Justice 2012, 4).

Public bodies and figures are more accountable because of FOI. The Act often works with other mechanisms (such as the media, MPs or NGOs) as a tool to put together information for campaigns. Although high profile cases, such as MPs’ expenses, attract publicity, FOI is often used, especially at local level, as a ‘jigsaw’ tool to put together information rather than to obtain scandalous ‘smoking guns’.

Some of the more ambitious aims have not been met. This is not because the Act has failed but because the aims were far too high. FOI has not, by itself, improved the quality of decision-making, public understanding of decision-making or participation. Superficially FOI does not appear to have increased trust in government-the Justice Committee concluded FOI had ‘no generalisable impact’ on it. However, trust is a complex issue and Even the seemingly clear ‘drop’ in trust created by the MPs’ expenses scandal is not as simple as it seems: the disclosure that some MPs are corrupt came as confirmation not a revelation to many. On a positive note, despite the claims of many ex-senior politicians, the records are not disappearing: a ‘chilling effect’ can be seen in a few politically sensitive cases but is not happening systematically.

Open Data 2010-2014

 The Coalition’s Transparency Agenda is actually a series of different reforms, all using information technology to encourage openness. They include new data platforms, publication of frontline service and spending data and innovations such as online crime maps and crowd-sourced experiments.

The effects so far seem variable. High profile Open Data platforms like data.gov.uk have attracted users and innovators while the crime map, police.uk, crashed on the first day due to levels of use. Some other experiments have been less successful and the crowd-sourcing of policy had to be scaled back.

One flagship innovation in the UK has been to ask all local authorities to publish on a monthly basis their spending over £500 onlines-see my analysis here. There appears to be little use by the public yet, though some by journalists and businesses. There is no sign of the promised ‘army’ of citizen auditors using the data to hold authorities to account. Some are concerned, both in the UK and elsewhere, that publishing spending data encourages emphasis on ‘costs’ rather than impact. However, the local spending data has launched several interesting third party innovations, some of which have been created ‘upwards’ from the community and others between public bodies-see below.

Resistance?

For transparency to be successful senior politicians both within organisations and nationally need to push for it and support. One of the big concerns is that there will be hostility and resistance. The problem is that leaders quickly go off being transparent. Tony Blair, who passed the FOI Act, gave his verdict:

The truth is that the FOI Act isn’t used, for the most part, by ‘the people’. It’s used by journalists. For political leaders, it’s like saying to someone who is hitting you over the head with a stick, ‘Hey, try this instead’, and handing them a mallet (Blair 2010, 516-517).

David Cameron also spoke of how the Act can ‘occasionally fur up the arteries of government’ (BBC 7 Mar 2012). The danger is that such negativity may encourage poor behaviour and lead to a small ‘anti-FOI’ group at the very top of government. In several local authorities there is a similar rumble of discontent at the time and resources FOI uses and the damage ‘frivolous’ requests cause.

The dislike of FOI can also translate into action. In the UK the veto has now been usedseven times to prevent the release of information including for Cabinet discussions over the war in Iraq and correspondence between Prince Charles and the government. In 2006 an attempt was made by the Blair government to introduce fees for FOI, as happened in Ireland in 2005. This was closely followed by an attempt by a group of MPs to remove Parliament from the FOI Act.

Neither is Open Data fully supported. The government’s initial emphasis on the ‘democratic’ benefits of the reforms have been downplayed with a shift to the economic benefits. The Public Administration Committee claimed that some departments and Ministers are more interested than others. Across local government there has been varying degrees of enthusiasm for the Open Data and spending publication. Some local authorities have innovated, a few resisted while the majority seem to be going through the motions. Local councils are keen to be develop new tools for citizens but are concerned at the resource implications and is unclear on what the agenda is meant to do-see this LGA survey.

Where Next?

So what does the future hold? The first area is private providers. Section 5 of the Act can be used to extend the scope of the legislation and all the main parties are committed to extension to ‘private providers’ working on behalf of public authorities. FOI already allows access to some information held by private bodies relating to public work and most bodies are happy to provide it, albeit with some high profile exceptions. In 2007 Gordon Brown committed to extend the Act to all public work carried out by private bodies but eventually did not do so, concerned about potential costs to businesses. In 2010 the new Coalition government (again) committed to extend it but are yet to do so. The recent post-legislative scrutiny recommended that FOI be enforced by contracts rather than explicit extension of the Act. It could also be that we can start to find out more about what businesses do for public bodies via Open Data, as providers give more information through experiments like contracts finder.

Could there be other changes? Although most past attempts to reform the Act have failed, it is possible that future governments, sceptical of FOI, may try again whether directly, through changes to the law, or indirectly through ‘resource starvation’. The current government has expressed its concerns about what it calls ‘industrial’ users of the FOI Act. On the other hand, it is possible that parts of the Open Data agenda may turned from ‘codes’ into law. One concern of campaigners is that the government may ‘give’ Open Data with one hand and ‘take away’ information rights with the other.

Finally, are there areas where FOI and Open Data could meet? The FOI has already been amended to include datasets. Advocates and officials feelonline publication, FOI and new innovations could serve to mutually reinforce each other. This can already be seen with mySociety’s WhatDoTheyKnow that publishes FOI’s publically (and accounts for 10% of all FOIs) or Openly Local, an interactive merging of democratic and financial data. Other innovations could bring easy comparability such as Appgov (note-this site is currently in the development stages).

Conclusion

Ten years after FOI the UK has seen a huge advance in openness. The Act is working well. It is embedded within public bodies, from central government to Parish council, and is an accepted part of the political landscape. Open Data is more uneven but it is likely to take time as developers do new things with the data. The concern is that the ‘myths’ around being open obscure how it actually works. There are legitimate concerns about use but these are becoming confused with the claims of unhappy politicians-complaints from politicians may be a sign of transparency doing its job.

This piece was originally written for and published by PDP

Con il Paraguay sono 100 le leggi sull’accesso all’informazione

RTI worldwide

Lo scorso 21 agosto il parlamento del Paraguay ha approvato quella che è la legge numero 100 sull’accesso all’informazione.

Solo 20 anni fa, ci ricordano da Access-Info, le leggi nel mondo erano solo 15.
I cambiamenti storici, il crollo del muro di Berlino, le transizioni democratiche dei Paesi dell’Europa Centro-Orientale hanno dato impulso al movimento per la trasparenza. 

In molti paesi la società civile ha dato impulso e forza all’azione parlamentare per creare e rafforzare le leggi sull’accesso all’informazione: oggi il right to know è in espansione, anche se a diversi gradi.

Questo però non vuol dire che si possa abbassare la guardia, anzi: in molti Paesi si cerca di tornare indietro sui diritti acquisiti. In altri, invece, la trasparenza sembra tale solo di nome: è il caso della Spagna, dove la neonata legge sulla trasparenza, che entrerà in vigore il prossimo dicembre, nasce già pesantemente condizionata e – a oggi – non sono ancora disponibili informazioni sulla sua implementazione e attuazione.

Anche in Italia abbiamo le nostre sfide: Foia4Italy porta avanti una proposta di legge sull’accesso che fa riferimento al Freedom of Information Act e che ribalta il concetto (e la pratica) dell’accesso all’informazione per come è stata intesa in Italia fino ad ora:

Vogliamo norme sulla trasparenza moderne, di larga applicazione e facilmente utilizzabili dai cittadini.

Abbiamo quindi deciso di scrivere una proposta di legge che introduca, finalmente, anche nel nostro Paese una legge evoluta sull’accesso all’informazione: se approvata, la legge consentirà a chiunque (non solo ai cittadini) di poter conoscere tutti gli atti, documenti e dati formati e detenuti dalle Pubbliche Amministrazioni, con poche e tassative eccezioni.

Basterà una legge? Certamente no e sarebbe ingenuo sostenerlo, ha argomentato il nostro Guido Romeo rispondendo agli stimoli di Gianluca Sgueo.

Ma una legge sull’accesso è un passo fondamentale: Foia4Italy è un punto di partenza, a cui tutti possono collaborare.

 

Foia4Italy: idealisti sì, ingenui no

FreedomOfInformationAct

Informazione ritardata, democrazia negata è il titolo di un bel pezzo di Robert Biersack sul New York Times segnalato venerdì scorso da Gianluca Sgueo su Formiche.net. In breve: anche negli Usa, uno dei paesi più avanzati in fatto di trasparenza grazie, tra le altre leggi, al Freedom of Information Act, le richieste di trasparenza possono finire nel cestino a causa della scarsa collaborazione delle istituzioni.

Sgueo, attento osservatore dell’evoluzioni (più o meno rapide) dell’amministrazione pubblica e dei processi di partecipazione dei cittadini, mette in relazione il problema segnalato da Biersack con il recente lancio di Foia4Italy, probabilmente la più ampia alleanza di rappresentanti della società civile che si sia formata finora sul fronte della società civile. Va detto, per trasparenza, che Diritto Di Sapere e chi scrive sono stati tra i primi promotori di questa iniziativa.

Sgueo sembra vedere di buon occhio Foia4Italy, ma si chiede se non sia un po’ ingenuo pensare che basti un Foia ispirato agli Usa per sistemare i vuoti di trasparenza italiani.

Personalmente stimo molto Gianluca e vorrei assicurargli che non è questo il pensiero (sicuramente di chi scrive, ma per certo anche di molti che hanno aderito a F4I).

In Foia4Italy siamo certamente idealisti, ma sicuramente non ingenui. E come potremmo, visto che molti di noi per mestiere si devono confrontare con le pubbliche amministrazioni e spesso usano il diritto di accesso per richiedere informazioni?

È per questo che, in un’operazione che credo abbia pochi precedenti in Italia negli ultimi anni, abbiamo scritto in maniera collaborativa un testo – disponibile qui – che tiene conto del problema.

In particolare, l’articolo 5, che riporto anche qui di seguito, tutela il diritto di accesso in maniera puntuale e, cosa che non c’è negli Usa, anche prevedendo sanzioni per le istituzioni che – a torto – negano l’accesso all”informazione.

Art. 5 – Tutela del diritto di accesso

1. Decorsi inutilmente trenta giorni dalla presentazione della richiesta di accesso, questa si intende respinta. In caso di diniego dell’accesso, espresso o tacito, o di differimento dello stesso, il richiedente puo’ presentare ricorso al tribunale amministrativo regionale ai sensi del codice del processo amministrativo. I procedimenti in materia di accesso sono esenti dal pagamento del contributo unificato di cui al D.P.R. n. 115/2002.

2. Contro il diniego dell’accesso, espresso o tacito, o di differimento dello stesso il richiedente può presentare ricorso all’Autorità nazionale anticorruzione di cui alla legge 6 novembre 2012, n. 190, ovvero al difensore civico competente per ambito territoriale, ove costituito. L’Autorità o il difensore civico si pronunciano entro trenta giorni dalla presentazione dell’istanza. Scaduto infruttuosamente tale termine, il ricorso si intende respinto. Se il difensore civico o l’Autorità ritengono ingiustificato il diniego o il differimento, ne informano il richiedente ed ordinano all’amministrazione che lo ha disposto di consentire l’accesso. In tal caso, la richiesta di accesso deve essere soddisfatta, a meno che l’amministrazione non confermi il diniego o il differimento con atto motivato entro quindici giorni dal ricevimento dell’ordinanza. In tale ultimo caso, se successivamente il diniego o il differimento sono giudicati illegittimi in sede giurisdizionale, valutate le circostanze, il giudice condanna l’amministrazione al pagamento di una penale aggiuntiva compresa tra i 500 e i 5.000 euro. Tali somme confluiscono in un apposito fondo finalizzato alla promozione della libertà di informazione e del governo aperto, responsabile e partecipato, e al sostegno di coerenti iniziative civiche, senza scopo di lucro. Qualora il richiedente l’accesso si sia rivolto al difensore civico o all’Autorità, il termine di cui al comma 1 decorre dalla data di ricevimento, da parte del richiedente, dell’esito della sua istanza, ovvero dal maturare del silenzio-rigetto. Se l’accesso è negato o differito per motivi inerenti ai dati personali che si riferiscono a soggetti terzi, l’Autorità provvede, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta, decorso inutilmente il quale il parere si intende reso. Qualora un procedimento di cui alla sezione III del capo I del titolo I della parte III del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, o di cui agli articoli 154, 157, 158, 159 e 160 del medesimo decreto legislativo n. 196 del 2003, relativo al trattamento pubblico di dati personali da parte di una pubblica amministrazione, interessi l’accesso ai documenti amministrativi, il Garante per la protezione dei dati personali chiede il parere, obbligatorio e non vincolante, dell’Autorità. La richiesta di parere sospende il termine per la pronuncia del Garante sino all’acquisizione del parere, e comunque per non oltre quindici giorni. Decorso inutilmente detto termine, il Garante adotta la propria decisione.

L’articolo 5, come tutto il testo della proposta di legge di Foia4Italy, è sicuramente migliorabile. Per questo lo abbiamo aperto a consultazione. Chi desidera aggiungere o suggerire integrazioni può farlo commentando online nelle prossime settimane.

 

Foia4Italy: la società civile chiede un Freedom of Information Act in Italia

Foia4Italy

Per Diritto di Sapere, avere un Freedom of Information Act è obiettivo e traguardo imprescindibile: per questo siamo orgogliosi di annunciare la nascita di Foia4Italy.

Si tratta di una coalizione di più di 30 organizzazioni della società civile che si sono unite per chiedere al governo italiano un Freedom of Information Act.

Ancora di più: il testo lo abbiamo scritto insieme in modo collaborativo, lo abbiamo pubblicato e chiediamo al governo di usarlo per avere una buona legge sull’accesso all’informazione.

Dal manifesto:

Vogliamo un governo del potere pubblico in pubblico.

La cultura della trasparenza è la spina dorsale di un Paese avanzato. Conoscere le informazioni che ci riguardano (dai conti pubblici alla salubrità dell’ambiente in cui viviamo) non deve essere un’impresa per pochi, ma una possibilità e un diritto di tutti.

Oggi, in Italia, questo diritto non è ancora pienamente garantito. Per questo FOIA4Italy chiede al Governo un Freedom of Information Act (FOIA) anche nel nostro Paese e avanza una concreta proposta normativa.

Negli ultimi anni è stato fatto molto per la trasparenza, ma l’iniziativa FOIA4Italy non si accontenta e chiede di più perché la linea di confine tra cittadinanza e sudditanza è ancora molto sottile.

Il nostro interesse legittimo è poterci occupare delle nostre comunità. Chiediamo di sapere per poter analizzare, capire e agire.

FOIA4Italy è una campagna senza affiliazioni politiche nata da una rete di soggetti della società civile attivi su queste priorità

Il sito Foia4Italy è a vostra disposizione e presto vi daremo tutte le modalità per unirvi alla campagna e chiedere una vera legge per l’accesso all’informazione.

In Rete la campagna utilizza l’hashtag #Foia4Italy.

L’open government come strategia di crescita: il nostro workshop a Digital Venice

Image credit: Venezia, veduta aerea - via Wikimedia Commons
Image credit: Venezia, veduta aerea – via Wikimedia Commons

Oggi l’espressione open government è molto utilizzata nel dibattito pubblico in corso sui temi di trasparenza, partecipazione e accountability.

Quello che non emerge, però, è che l’open government può essere decisivo nel progettare e realizzare una strategia di crescita nel lungo periodo, nel rispetto di tutti gli attori coinvolti.

L’Italia è in un momento di sfide cruciali: iniziato da pochi giorni il semestre di presidenza europeo, dal 7 luglio il governo sarà impegnato a Digital Venice, una settimana di incontri cruciali per economia digitale e governance, con i principali attori europei di amministrazione, industria e innovazione.

Ci è sembrata la migliore occasione per partecipare e rilanciare il dibattito su questi temi, in Italia e in Europa.

Il prossimo 8 luglio, nell’ambito di Digital Venice, Diritto Di Sapere organizza quindi un seminario dal titolo “Open Government: a strategy for governance innovation and inclusive growth” (accesso gratuito, qui il link per iscriversi).

Analizzeremo questi temi con numerosi esperti e un keynote di eccezione: aprirà infatti i lavori Beth Noveck, già vice-CTO alla Casa Bianca e consulente del governo inglese sui temi dell’open government, che condividerà con noi elementi della sua esperienza e la sua visione strategica per il futuro.

L’incontro esplorerà sfide e opportunità in modo approfondito, così come gli ostacoli alla realizzazione di iniziative verso l’innovazione nella governance.

Qui di seguito il programma completo (il seminario si svolgerà in inglese):

10,00 – Presentazione

Andrea Menapace – Co-fondatore DDS & ricercatore IRM per l’Open Government Partnership

10,15 – Keynote:

Beth Noveck – GovLab, co-founder and former United States deputy chief technology officer for open gov

10,40 – Beyond Transparency: Challenges – Short talks:

  • Ernesto Belisario – Open Government Forum – Italy
  • Alberto Alemanno – Jean Monnet Chair in EU Law and Risk Regulation, HEC Paris
  • Ben Worthy – University of London, IRM researcher for the UK
  • Veronica Cretu – Open Government Partnership, Steering Committee
  • Liz David-Barrett – Oxford University, Said Business School

11.40 – Break

11,55 – Beyond Transparency: Opportunities (tavola rotonda):

  • Pia Marconi – Public Administration Department, Italian Government
  • Neil Campbell – Head of EU Policy Development, Open Society European Policy Institute
  • Lorenzo Segato – Director, RiSSC
  • Alina Ostling – European University Institute & IRM national researcher at OGP for Sweden
  • Maurizio Napolitano e Francesca de Chiara – OKF Italy, Digital Commons Lab

Moderatore: Guido Romeo (Wired Italia)

Sarà inoltre l’occasione per presentare un’importante iniziativa della società civile che verrà presentata ufficialmente lo stesso 8 luglio.

Ci vediamo a Venezia!

Foia per l’Italia: un’analisi comparata di otto paesi

Fixing FOIA - TransparencyCamp2014
Fixing FOIA – TransparencyCamp2014 (foto di Tony Webster – CC BY-ND 2.0)

Alexandre Salha, che a Beirut ha coordinato il lavoro della sezione libanese di Transparency International sulla lotta alla corruzione collabora da alcune settimane con Diritto Di Sapere.

Alexandre, che in Libano ha anche organizzato una campagna per espandere l’accesso all’informazione ha redatto per noi una breve analisi comparativa delle leggi  per l’accesso all’informazione in otto diversi Paesi, tra cui l’Italia.

Il documento, pensato come strumento di approfondimento per tutti coloro che stanno lavorando allo sviluppo di un vero Freedom of information act italiano, contiene anche una sezione di raccomandazioni specifiche per il nostro paese.

FOIA in azione: la NBC richiede l’accesso a documenti sul caso Snowden

Ieri il giornalista Brian Williams ha intervistato Edward Snowden sulla NBC, in esclusiva per gli USA (Snowden aveva già fatto un’intervista televisiva per la tv tedesca, lo scorso gennaio).
Tra i temi dell’intervista anche i ripetuti tentativi dell’ex-contractor di segnalare ai suoi superiori gli abusi della NSA attraverso canali interni, prima di rivolgersi a Glenn Greenwald e Laura Poitras.
Proprio per fare chiarezza la NBC ha inviato una richiesta attraverso il Freedom of Information Act ai documenti in questione.
Per spiegare meglio i temi e il contesto ripubblichiamo qui (col permesso dell’autore) un post di Fabio Chiusi, uscito oggi sul suo blog del Messaggero Veneto.

 

Lo sviluppo potenzialmente più rilevante della lunga intervista – la prima di una emittente statunitense – di NBC News a Edward Snowden riguarda il tentativo della fonte del Datagate di segnalare gli abusi della NSA attraverso i canali ufficiali interni, prima di divulgare i documenti ai giornalisti e dunque al pubblico. Snowden ha sempre sostenuto di averlo fatto ripetutamente (ma senza esito, a parte fatti gli affari tuoi, smetti di fare domande o ti distruggeranno), e i suoi oppositori nell’amministrazione Obama e nell’agenzia di intelligence sempre ribattuto il contrario: Barack Obama, indicando la sua direttiva presidenziale per la protezione dei whistleblower, ha affermato lo scorso agosto che Snowden aveva «altre vie» per esprimere le sue lamentele (ma la direttiva non riguarda i contractor come Snowden); l’NSA, che oggi non commenta, ha in passato negato di essere a conoscenza di segnalazioni da parte di Snowden per vie ufficiali. Per esempio, a dicembre scorso al Washington Post:

 

Oggi non commenta, ma a dicembre l’NSA diceva di non avere prove delle segnalazioni interne di Snowden (v. WaPo) pic.twitter.com/CPgqZ9TIIN

— Fabio Chiusi (@fabiochiusi) May 29, 2014

 

Nell’intervista a NBC Snowden rilancia, affermando che ci devono essere delle prove – visto che i canali usati, appunto, sono ufficiali – dei suoi dubbi su quanto stava apprendendo in qualità di analista al servizio dell’intelligence USA: «Sono passato per i canali ufficiali», dice a Brian Williams, «ed è documentato» perché l’NSA, prosegue, tiene copia delle mail ricevute in appositi registri. Snowden sostiene dunque di aver comunicato per iscritto e non solo le sue preoccupazioni, e a diversi uffici e colleghi. «L’ho fatto a Fort Meade. L’ho fatto alle Hawaii». La risposta?, chiede Williams. La solita, dice Snowden:

 

Snowden alla NBC dice che ci sono prove che documentano le sue segnalazioni degli abusi NSA per canali ufficiali pic.twitter.com/qCNLiGSdDp

— Fabio Chiusi (@fabiochiusi) May 29, 2014

 

Un processo lungo, dunque, cominciato – a quanto sappiamo dallo stesso Snowden – nel 2012. Ma secondo ‘No place to hide’, di Glenn Greenwald, la disillusione sarebbe cominciata addirittura nel 2009, quando ha lasciato la CIA amareggiato per quanto vedeva, si legge, e senza riuscire a denunciarlo per i canali istituzionali – anche allora, gli veniva detto di farsi i fatti suoi. A quanto scrive Greenwald, Snowden non si era esposto allora perché confidava in un cambio delle prassi di sorveglianza con Obama (del resto, l’aveva annunciato eccome), e perché rivelare il funzionamento della CIA avrebbe messo a repentaglio vite umane; con l’NSA, invece, a crollare sarebbe per Snowden solo un sistema di potere inutile.

Tornando all’intervista, mentre NSA e CIA tacciono, scrive l’NBC che «funzionari del governo» confermano l’esistenza delle mail inviate da Snowden. Per fugare ogni dubbio, l’emittente ha inviato una richiesta attraverso il Freedom of Information Act ai documenti in questione. Un contributo alla chiarezza e alla trasparenza da parte dell’amministrazione USA – ammesso giunga mai – potrebbe aiutare a fare luce su questo fondamentale aspetto per comprendere la bontà degli intenti di Snowden, definito in tutta risposta un «codardo» e «traditore» dal segretario di Stato, John Kerry. È il teorema, indimostrato, della «spia russa» che ha «danneggiato» il suo Paese, ripetuto proprio mentre Snowden accusa (di nuovo) senza se e senza ma le politiche del Cremlino

 

Snowden di nuovo contro Putin nell’intervista a NBC pic.twitter.com/1E5uskBmKb

— Fabio Chiusi (@fabiochiusi) May 29, 2014

 

e le prassi di sorveglianza anche in Cina, e mentre lo stesso Snowden può ribadire – senza smentite – che finora l’amministrazione USA non può indicare «un solo caso» in cui un individuo sia stato realmente danneggiato dalle sue rivelazioni.